Comitato cantonale: com’è andata

Il passaggio del timone da un nocchiero all’altro è sempre un momento delicato ma anche entusiasmante. Delicato perché deve conciliare il desiderio del nuovo con la necessità di non rinnegare la tradizione. Ed entusiasmante perché foriero di nuovi progetti, di nuovi slanci e di nuove generosità. Ecco perché il Comitato cantonale del 24 febbraio 2016 è stato così importante.

Dopo i saluti e i ringraziamenti del presidente Evaristo Roncelli e l’approvazione del verbale del Comitato cantonale del 10 dicembre, si è subito passati al piatto forte della serata: la nuova Direzione del Partito. Il neo presidente Igor Righini ha presentato i princìpi che hanno determinato la nuova composizione: una maggiore rappresentanza femminile, in una Direzione composta da Igor Righini, Manuele Bertoli (consigliere di Stato), Marina Carobbio Guscetti (consigliera nazionale), Pelin Kandemir Bordoli, che a breve sarà sostituita da Ivo Durisch (capogruppo in Gran Consiglio), e da Beatrice Reimann (vicepresidente), Fabrizio Sirica (vicepresidente), Giulio Bozzini, Alberto Casari, Carlo Lepori, Clio Rossi, Nathalie Tami Gianola, Adriano Venuti, Cristina Zanini Barzaghi. Gli interventi dei presenti hanno sottolineati la necessità di ripartire con slancio ed entusiasmo, ribadendo anche la necessità del dialogo con la base e con le Sezioni.

Sono poi stati eletti il presidente e la vicepresidente del Comitato cantonale, rispettivamente Evaristo Roncelli e Ornella Buletti. Roncelli ha sottolineato anzitutto l’importanza dei giovani all’interno del Partito, sottolineando come lui stesso a il neo vicepresidente del PS Fabrizio Sirica siano giovani e nel contempo ricoprano incarichi importanti nel Partito. Inoltre ha ribadito l’importanza dell’unità pur nel confronto fra posizioni politiche variegate.
Ateo Carobbio e Carla Cugini sono stati eletti nella Commissione di revisione.

Presentati da Carlo Lepori, come rappresentanti del PS Ticino all’Assemblea dei delegati del Partito socialista Svizzero sono stati eletti Ornella Buletti, Fabio Canevascini, Gina La Mantia, Jacqueline Rohrer, Evaristo Roncelli, Daniele Rotanzi, Nenad Stojanovic e Filippo Zanetti. Lepori ha anche speso alcune parole per presentare PS60+ e il Comitato ha delegato alla Direzione la scelta dei due rappresentanti ticinesi nell’associazione.

Fra le eventuali, Carlo Lepori ha poi presentato il progetto PSS Futuro, per rilanciare il partito con nuove idee, iniziative, discussioni, per far fronte alle difficoltà, tra le quali il calo degli iscritti e delle risorse finanziarie.

Per l’organizzazione dei Comitati cantonali, è stata presentata la possibilità di svolgerli sempre il mercoledì a Bellinzona oppure a rotazione anche il sabato e in altri luoghi. Per quanto riguarda le modalità di svolgimento, è emerso il desiderio di razionalizzare le discussioni, approfondendo solo i temi sui quali c’è davvero divergenza e alleggerendo gli ordini del giorno, in passato spesso troppo carichi di trattande.

Da ultimo, Roncelli ha lanciato un appello per il voto del 28 febbraio: 4 No e un Sì, per dei temi davvero importanti per il Paese.

Il comunicato stampa

La documentazione

20160224comitatocantonale2

 

20160224comitatocantonale1