Esito del Comitato cantonale

Era affollata la sala dell’Infocentro di AlpTransit a Pollegio, che stasera ha ospitato stasera il Comitato cantonale del Partito Socialista. Del resto c’era molta attesa, per l’annuncio delle candidature alla presidenza del Partito.

I lavori sono stati aperti dalle riflessioni del presidente ad interim Carlo Lepori sulla deriva a Destra della politica nazionale e di Marina Carobbio Guscetti sull’elezione del Consiglio federale.

Ivo Durisch ha esposto la procedura con la quale si è arrivati alla rosa dei candidati alla presidenza. Tre dei quattro candidati, Claudio Corti, Carlo Lepori e Igor Righini, si sono poi brevemente presentati al Comitato, Bruno Storni essendo assente.

Sui temi cantonali e federali in votazione il 28 febbraio, il Comitato cantonale, dopo aver ascoltato le presentazioni dei relatori e aver discusso su alcuni argomenti, ha accolto le indicazioni di voto della Direzione del Partito: No al raddoppio del tunnel del Gottardo, No all’iniziativa “Per il matrimonio e la famiglia”, No alla seconda iniziativa dell’UDC sull’espulsione degli stranieri che commettono reati, Sì all’iniziativa “Contro la speculazione sulle derrate alimentari”, No alla legge sull’apertura dei negozi.

Sulle elezioni comunali ha preso la parola Carlo Lepori, che ha presentato una risoluzione per un appello alle sezioni a formare liste unitarie con altre forze progressiste. Risoluzione accolta.