Esito del Congresso elettorale del Partito Socialista

In una sala strapiena si è svolto oggi a Rivera, presso il Centro della protezione civile, il Congresso elettorale del Partito Socialista. Ospite d’onore del Congresso è stato il consigliere federale Alain Berset, che ha tenuto il discorso di apertura, seguito dalla consigliera nazionale Marina Carobbio Guscetti, che ha sviluppato una panoramica sui problemi politici, sociali, economici del nostro Cantone e della Confederazione.
Dopo la presentazione individuale e personale, sono poi state accolte dal Congresso le 8 candidature al Consiglio nazionale proposte dalla Direzione: Mixaris Bianchera-Pérez Concepción, Pietro Bianchi, Marina Carobbio Guscetti, Raoul Ghisletta, Igor Righini, Lara Robbiani Tognina, Evaristo Roncelli, Bruno Storni.

Dopo la presentazione e l’approvazione della piattaforma elettorale nazionale, delle priorità per il Ticino, del complemento per il Ticino e degli emendamenti, il tema seguente è stata la presentazione della lista della GISO, con la quale è stata votata all’unanimità la congiunzione.

Carlo Lepori, presidente ad interim, ha esposto i quattro punti che si ritrovano nella programma, nella carta dei valori, nella piattaforma elettorale: l’internazionalismo, l’europeismo, la solidarietà, l’ambientalismo. Pelin Kandemir Bordoli ha reso omaggio al presidente dimissionario Saverio Lurati che, emozionato, ha ringraziato.

Ultimo tema importante è stato quello delle congiunzioni. Dopo gli interventi di Carlo Lepori, di Martino Rossi, di Cristina Zanini Barzaghi, di Manuele Bertoli, di Pepita Vera Conforti, di Anna Biscossa, di Werner Carobbio, di Raoul Ghisletta, con 75 voti contro 72 il Congresso ha approvato la proposta della Sezione di Lugano che prevede l’apertura alle congiunzioni con tutti i partiti progressisti sulla base del programma ufficiale del PSS con i complementi del Ticino.