Iniziative / Referendum: raccolta firme

Iniziative cantonali

Iniziativa per un Ticino Laico

ticinolaicofoto-1

 

 

 

 

 

 

 

Il Comitato cantonale del PS, lo scorso 3 ottobre, ha deciso di sostenere l’iniziativa per un Ticino Laico. L’iniziativa chiede di abolire l’art. 24 della Costituzione ticinese. Secondo questo articolo una parte della popolazione godi di taluni privilegi: i cattolici e i protestanti.

Lo dice la Costituzione ticinese: l’attuale art. 24 concede a queste due religioni la personalità di diritto pubblico. Che significa? Semplice: le due fedi possono godere di • sussidi e contributi di enti pubblici con i soldi di tutti, anche di chi non crede, • un trattamento privilegiato nei media del servizio pubblico, • un accesso all’istruzione collettiva nelle scuole attraverso l’ora di religione, • un’attenzione spropositata nelle istituzioni. E tutti gli altri? Non contano. Però contribuiscono ai privilegi dei cattolici e dei protestanti, pagando il finanziamento degli oratori, i campeggi di studio sulla Riforma, gli stipendi dei docenti di religione e il relativo materiale didattico non scelto dallo Stato, le rubriche cattoliche e protestanti alla radio e in televisione. Ecco perché i Ticinesi che non si riconoscono in nessuna fede sono discriminati.

 

Iniziative federali

Sgravare i salari, tassare equamente il capitale!

schermata-10-2458036-alle-12-04-53-am

L’1% della popolazione svizzera possiede più del 40% della ricchezza di tutto il Paese. Una situazione iniqua e ingiusta. La Gioventù socialista svizzera (Juso Schweiz) ha lanciato l’ Iniziativa 99%con cui si vuole tassare maggiormente l’1% dei più ricchi in Svizzera per ridistribuire la ricchezza a chi ha redditi medio-bassi.
Grazie ai loro patrimoni, l’1% più ricco beneficia infatti di redditi da capitale nella forma di dividendi, affitti e tassi d’interesse, senza però dover fornire in cambio una controparte lavorativa. Diventano ancora più benestanti solo perché solo già ricchi. Ma da dove provengono questi redditi? Il capitale non produce beni, non cura gli anziani e non crea nuove tecnologie. Detto in parole povere: Il denaro non lavora – le persone sì.
Il lavoro dell’99% della popolazione è necessario affinché i grandi azionisti possano intascarsi quei soldi. L’iniziativa 99% vuole ridare i soldi a coloro che hanno prodotto questa ricchezza, così che noi salariati abbiamo nuovamente più denaro per vivere.
Ricordiamo infine che la povertà in Svizzera tocca più di 500’000 persone e che il tasso di rischio povertà in Ticino è oltre il 30%!