Marina Carobbio agli Stati!

Raddoppiare i seggi dell’area Rosso-Verde al Consiglio nazionale. Obiettivo raggiunto! Quando insieme ai Verdi del Ticino, al Partito Comunista e al ForumAlternativo abbiamo sottoscritto l’unione delle nostre forze ci prefiggevamo questo primo importante traguardo, ottenuto grazie a tutte e tutti voi.L’area Rosso-Verde ticinese era sotto rappresentata a Berna come dimostra il 28% dei voti ottenuti dal fronte progressista il 20 ottobre. È ampiamente provato che i temi che ci accomunano sono fondamentali per il futuro del Paese e che insieme siamo più forti. Uniti vinciamo.

La maggioranza della destra al Nazionale è stata rovesciata. Il Parlamento conterà su nuove maggioranze che permetteranno di costruire il progresso sociale e ambientale del Paese. Oltre alla svolta a sinistra e alla vittoria ecologista, il 20 ottobre è stata una giornata storica per le donne e per la parità. Al Nazionale sono state elette 84 donne, 20 in più rispetto al 2015. Grazie al PS, ai Verdi e alla Sinistra alternativa è stato registrato il più importante balzo in materia di rappresentanza delle donne in politica dal 1971. Nel 50. anniversario dell’introduzione del suffragio femminile in Ticino, Greta Gysin è la prima esponente dei Verdi del Ticino a entrare al Parlamento federale. Marina Carobbio, brillantemente confermata al Nazionale, si presenta al ballottaggio del 17 novembre per il Consiglio degli Stati con delle reali possibilità di essere eletta. Portare finalmente la prima donna ticinese alla Camera dei Cantoni è un grande obiettivo dell’area progressista ticinese. La via per realizzarlo è votare solo Marina Carobbio senza disperdere voti.

Marina Carobbio rappresenta appieno l’area Rosso-Verde cantonale, la quale ha pieno diritto di essere rappresentata anche agli Stati, ma non solo. Marina si batte da sempre per i bisogni della stragrande maggioranza della popolazione, per la concretizzazione della parità e per la tutela dell’ambiente. Nell’anno della sua presidenza dell’Assemblea federale, indetto dal PS anno femminista e che ha visto più di 500’000 persone scendere in piazza il 14 giugno per lo storico Sciopero delle donne, Marina Carobbio ha dimostrato che rappresenta il nostro Cantone e la Svizzera italiana. Ed è proprio il Ticino che dovrà sostenerla affinché venga eletta la prima donna ticinese al Consiglio degli Stati. Ci impegniamo a fondo, tutte e tutti, spalla a spalla, affinché questo accada. Il Ticino ha pieno diritto di essere rappresentato nel suo insieme alla Camera dei Cantoni, senza escludere le donne, ovvero la metà della sua popolazione.

Oggi è più che mai importante confermare anche agli Stati la svolta a sinistra, la vittoria ambientalista e l’avvicinamento alla parità ottenuti al Nazionale. Solo così potremo avere un’area Rosso-Verde più forte alle Camere federali, decisa a concretizzare una vera politica ambientale che tenga conto degli aspetti sociali, per noi centrali. Grazie alla riconferma alla Camera dei Cantoni potremo perseguire una politica sanitaria e un servizio pubblico di qualità accessibile a tutte e tutti, forti dell’iniziativa per dei premi meno onerosi che ha già raccolto più di 115’000 firme. Un risultato che offrirà una forza rinnovata alla prospettiva di una cassa malati unica e pubblica. Più forti alle Camere federali per ottenere una migliore ridistribuzione della ricchezza, per rinforzare l’AVS –  la più grande conquista sociale svizzera voluta e ottenuta dal PS – e tutelare le frange più deboli della popolazione, consci che la forza di un popolo si commisura al benessere dei più deboli dei suoi membri.

Igor Righini, Presidente PS