Home
di Ivo Durisch, candidato al Consiglio di Stato

Un mio amico ha un atlante fotografico della Svizzera, vista dall’alto, che risale al 1924. Una delle foto mostra la Valle del Vedeggio vista dal Ceneri. Il fiume ancora meandra verso il lago, i paesi sono arroccati contro montagna. C’è un po’ di bruma e la strada e la ferrovia s’indovinano appena. Son passati novant’anni e il Ticino s’è sviluppato, è arrivato il benessere ed è un anche bene. Ma quanta bellezza perduta! Questo è l’altro lato della medaglia. Gli insediamenti si sono sparsi disordinatamente sul territorio, le pianure si sono riempite di capannoni, cemento e catrame. Anche se non è sempre il caso di fare i nostalgici, un po’ meglio si poteva fare. Lembi di territorio particolarmente sotto pressione sono quelli vicini agli svincoli autostradali: Castione, Sant’Antonino, Rivera, Vezia-Agno-Bioggio-Manno, Grancia, San Martino, Chiasso.
Leggi l'articolo
di Tatiana Lurati, candidata al Consiglio di Stato

Nei prossimi decenni nel nostro cantone si prevede la necessità di realizzare nuovi posti letto in strutture per anziani. Nel 2010 il fabbisogno di posti letto medicalizzati nelle case anziani a livello cantonale era di 4’393, nel 2020 saranno necessari oltre 5’300 posti. Un incremento quindi di circa il 20%. Gli studi della pianificazione del settore ipotizzano un fabbisogno pari a 207 letti ogni 1000 anziani ultraottantenni. L’età media delle persone residenti in case anziani è di 85,5 anni. È in aumento, se pensiamo che nel 1990 era di 82 anni. Pure gli ultraottantenni sono aumentati: 80% rispetto al 69% nel 1990. Cresce la speranza di vita. Rispetto a 50 anni fa chi va in pensione oggi ha una speranza di vita di vita di 20 anni se uomo e 24 se donna, ovvero 7-8 anni in più rispetto a chi aveva 65 negli anni Sessanta. Cambia quindi la popolazione, cambiano le necessità e le richieste di aiuto e presa a carico.
Leggi l'articolo
Paura del dentista? Oppure della fattura del dentista? Per molti pagare le cure dentarie è un dramma. Ecco perché, insieme al Forum alternativo e a Unia, stiamo raccogliendo le firme per un'assicurazione obbligatoria per le persone residenti in Ticino, sul modello dell'AVS.
Il formulario
L'argomentario
È uscito il dossier elettorale. Raccoglie tutti i documenti elettorali, ossia la panoramica sulla legislatura, i quattro servizi sul territorio e le cinque interviste ai candidati al Consiglio di Stato. Composto da 64 pagine in tutto, “50 sfumature di rosso” viene questa settimana a tutti i membri e i simpatizzanti del PS, come documentazione per approfondire.
Scarica il dossier
di Fabio Canevascini, candidato al Gran Consiglio

L’ultima settimana di marzo ha visto anche l’ultima sessione del Gran Consiglio per la legislatura 2011-2015. Molte persone si sono candidate alle elezioni del 19 aprile, com’ è naturale che sia, ma mi piace sottolineare quanta energia e quanta passione il gruppo Ps e io stesso abbiamo profuso in questa legislatura. Sono stati quattro anni a tratti duri e, con locuzione sportiva, ricchi di bagarres e di aspri confronti tra partiti e singole persone. Eppure lontano dalla luce dei riflettori abbiamo lavorato molto e così continueremo a fare anche nella prossima legislatura, se gli elettori lo vorranno, naturalmente.
Leggi l'articolo
di Lisa Bosia Mirra, candidata al Gran Consiglio

L’escalation di violenza dell’ultima settimana rende evidente la necessità di convocare con la massima urgenza una conferenza di Pace per il Medio Oriente. La guerra di Siria, gli attentati di Parigi, Iraq, Tunisi, Yemen sono tutti collegati tra loro e sono l’espressione di un fondamentalismo islamico che si alimenta dell’inadeguatezza, anche occidentale, nel proporre delle soluzioni ai problemi sociali e di disuguaglianza rappresentativa delle popolazioni arabe. E il conflitto israelo-palestinese è la prima e più evidente prova dell’incapacità, da parte delle grandi organizzazioni internazionali, di applicare concretamente quei principi di giustizia a noi così cari. Se non si vuole che il Nord-Africa e il Medio Oriente scivolino in uno stato di guerra permanente, che l’oscurantismo religioso avanzi, che si compia un genocidio ai danni delle popolazioni yezide e cristiane che da secoli abitano il Nord dell’Iraq, è urgente che all’allarmismo per ipotetiche infiltrazioni jihadiste sul territorio europeo si sostituisca una reale volontà di far tacere le armi e di dare spazio al dialogo.
Leggi l'articolo
...sugli orari di apertura dei negozi

di Igor Cima, candidato al Gran Consiglio


Il parlamento cantonale ha approvato le nuova legge sugli orari di apertura dei negozi del cantone. Tra gli aspetti principali vi sono la chiusura generalizzata alle 19.00 di tutti i negozi (giovedì alle 21.00), il sabato alle 18.30 e l’estensione in modo importante delle aperture nei giorni festivi, come pure le aperture festive e domenicali generalizzate degli shop annessi alle stazioni di benzina.
Leggi l'articolo
Questa settimana si parla di casse malati: una delle principali voci di spesa delle famiglie svizzere. L'attuale sistema di finanziamento sanitario non funziona. La finta concorrenza non funziona. E i premi sono indecenti. Ma non si riesce a cambiare nulla perché la lobby degli assicuratori influenza la politica.
Leggi tutto il numero
© Partito socialista 2009